sfondo_bambina

Contributo provinciale per l’acquisto degli strumenti compensativi per le province di Bolzano e Trento

Modalità di richiesta del contributo provinciale per l’acquisto degli strumenti compensativi per le province di Bolzano e Trento

 

Richiedi a Canalescuola un preventivo per poter fare la domanda di contributo all'Ufficio Invalidi compilando il form cliccando QUI

Iter per la richiesta di contributo:

  1. Ritiro domanda di erogazione del contributo per il presidio da ritirare presso ASL - Ufficio Invalidi
    1. Bolzano - via Amba Alagi, 33 - III piano
    2. Merano – via Rossini, 1 – Ospedale, edificio riabilitazione
    3. Trento – viale Verona pal. C – Centro servizi sanitari
  2. Richiedere prescrizione di un medico specialista pubblico (es. neuropsichiatra o foniatria) che indichi la necessità di utilizzo degli ausili compensativi.  - da allegare alla domanda di contributo.
  3. Richiesta di preventivi di spesa per i software compensativi da due ditte fornitrici differenti (es. Canalescuola + Anastasis) da allegare alla domanda di contributo.
  4. Consegnare la documentazione (domanda di contributo - preventivi di spesa - prescrizione medica - certificazione di DSA) sempre presso ASL - Ufficio Invalidi.
  5. Attendere responso da parte della commissione dell'Ufficio Invalidi che attesti la possibilità di ricevere il contributo.
  6. Consegnare la documentazione a Canalescuola per procedere con l'ordine dei software e la fatturazione. 
  7. Ritiro dei prodotti e della fattura e dei documenti timbrati a Canalescuola e compilazione del modulo iva al 4% (se indicato).
  8. Consegna della fattura, dei documenti timbrati e collaudo dei software presso ASL - Ufficio Invalidi.

 

Ogni ulteriore informazione deve essere richiesta direttamente al proprio distretto sanitario di competenza.
Quanto riportato in questa pagina è a puro carattere informativo.
Canalescuola non ha alcun titolo rispetto all'assegnazione del contributo e quindi non si assume alcuna responsabilità rispetto all'assegnazione degli stessi (che rimangono in capo all'Azienda Sanitaria).